Presentazione Dipartimento Media Radio TV

RadioEvangelo

FARSI ASCOLTARE

Nel settore radiofonico (e televisivo) una delle parole chiave è “ascolti” o audience radiofonica (e televisiva). Le emittenti radiofoniche sono interessate a sapere quante persone ne seguano i programmi, conoscere il profilo degli ascoltatori (età, sesso, istruzione, professione, ecc.). Discostandoci dalle logiche di mercato, ma continuando a parlare dell’importanza di farsi ascoltare, il mio pensiero va al Signore Gesù Cristo, Maestro anche in questo ambito. Gesù è la Parola di Dio incarnata (Giovanni 1:14): “E la Parola è diventata carne e ha abitato per un tempo fra di noi, piena di grazia e di verità; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre”.
Il ministero terreno di Gesù era incentrato sulla comunicazione, sulla proclamazione del Vangelo, la buona notizia della salvezza (Marco 1:15): “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; ravvedetevi e credete al vangelo”.
Penso alle emittenti radiofoniche “Radio Evangelo”, che non sono radio commerciali, così come ai programmi realizzati dal Servizio Audiovisivi i quali non hanno come scopo ottenere profitti economici. L’evangelizzazione attraverso la radio e la TV necessita di fondi, è vero, ma non mira a generare ricavi: l’unico scopo delle attività coordinate dal Dipartimento Radio TV è stato, resta e sarà la condivisione della Parola del Signore. Per questo motivo, ‘farci ascoltare’, o meglio, far ascoltare a quante più persone il Vangelo, è essenziale!

Ogni credente "nato di nuovo" non può tacere ne nascondersi: sente forte il desiderio di parlare di Cristo, della Sua grazia, del Suo amore salvifico. Questo del resto è il mandato di Gesù valido in ogni tempo e in ogni generazione: "Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato" (Marco 16:15,16).
Desideriamo, pertanto, imparare dal Divino Insegnante, Gesù Cristo, come farci ascoltare, comunicando efficacemente il Suo messaggio.

Varia la postura di Gesù (seduto, in piedi, chinato), il luogo (nel tempio, in riva al mare, su un’altura, su una barca, in sinagoga, in un orto, per strada, in campagna), l’approccio (diretto o indiretto, formale o informale, dal tono pacato o con piglio provocatorio), la lunghezza del discorso (lapidario, descrittivo, articolato) ed altri elementi, in relazione agli ascoltatori. Un unico messaggio, comunicato in modo differente a seconda dell’obiettivo da raggiungere, con una costante: farsi ascoltare. La gente pende dalle labbra di Gesù: “Ogni giorno insegnava nel tempio. Ma i capi dei sacerdoti e gli scribi e i notabili del popolo cercavano di farlo morire; ma non sapevano come fare, perché tutto il popolo, ascoltandolo, pendeva dalle sue labbra” (Luca 19:47,48).

La scelta, la responsabilità, spettano all’ascoltare, ma il messaggio arriva: incisivo, persuasivo, potente. L'evangelizzazione non mira a fare proselitismo o convincimento cerebrale, ma a presentare Gesù Cristo il Salvatore del mondo! continuano ad avere questo unico obiettivo: "Predicare Cristo, potenza di Dio e sapienza di Dio" (I Corinzi 1:24), L’apostolo Paolo, anch’egli trasformato dall’incontro con Gesù, poté dire: "Perché se evangelizzo, non debbo vantarmi, poiché necessità me n’è imposta; e guai a me, se non evangelizzo! Se lo faccio volenterosamente, ne ho ricompensa; ma se non lo faccio volenterosamente è sempre un’amministrazione che mi è affidata" (1Corinzi 9:16,17).

Testimoniare della salvezza ricevuta gratuitamente per la fede in Gesù, è un compito al quale ogni credente deve adempiere: "Siccome abbiamo lo stesso spirito di fede, che è espresso in questa parola della Scrittura: «Ho creduto, perciò ho parlato», anche noi crediamo, perciò parliamo" (2 Corinzi 4:13). affinché tanti altri, toccati dall’ascolto della Parola di Dio, possano dire: "Perché noi stessi abbiamo udito e sappiamo che questi è veramente il Salvatore del mondo» (Giovanni 4:42).

Ispirandoci al nostro Maestro, Gesù, desideriamo raggiungere ogni area del nostro Paese con il Vangelo di Gesù Cristo, pregando e impegnandoci ogni giorno per farci ascoltare, per far ascoltare ad altri messaggio di Colui che nessuno potrà mai eguagliare: “Nessuno parlò mai come quest’uomo!” (Giovanni 7:46), per la salvezza dei perduti e la crescita spirituale dei credenti.

Per il comitato RadioTV
Carmine Lamanna

Contatta il dipartimento

Visualizza tutti gli appuntamenti