Attualità

UN’ATTITUDINE BENEDETTA. C’È IN ME?

UN’ATTITUDINE BENEDETTA. C’È IN ME?

“Benedici, anima mia, l’Eterno; e tutto quello ch’è in me, benedica il nome suo santo” (Salmo 103:1)

Benedici il Signore, anima mia! Quando io Lo benedico, sono a posto con Dio, mi sento a mio agio con me stesso e con tutto ciò che mi circonda.

Quando benedico il Signore, scorgo ovunque la presenza di un Padre amorevole e pieno di compassione che si china verso di me mosso da una bontà inesauribile, indirizzando tutto quel che mi riguarda con tene­ra cura e con sapienza perfetta. Quando ravviso il Suo amore in ogni cosa, so­no spinto da una gioia ineffabile; tutto ciò che è in me si eleva per benedirLo.

Soltanto allora sono a posto con me stesso. Essere ingrato significa essere cieco tre volte: non vedere il mio bisogno, non scorgere il donatore, né saper cogliere il dono.

L’ingratitudine è la somma di tutti i peccati. L’orgoglio non ringrazia; prende tutto come dovuto e non considera alcun dono come un fa­vore.

L’invidia non è mai grata; vede soltanto quello che hanno gli altri e non apprezza nulla.

Il pauroso e l’incredulo sono muti; dubitano che le cose siano per loro, di conseguenza diffidano dell’amore.

L’ingrato è senza occhio, orecchio, cuore e mano. La gratitudine è il segno di uno spirito compassionevole. Essa dimostra una natura sensibile, che si apre al respiro, al sussurro d’amore; è un’anima melodiosa, nella quale il toc­co del cielo trova una gioiosa risonanza d’amore.

Soltanto allora sono a posto con tutto quel che mi circonda, quando perce­pisco la grazia e la sapienza divina che sono dietro a tutte le cose, e per gratitudi­ne trasformo le realtà terrene in una proprietà e in un possesso del cielo, sa­pendo che mi sono state affidate da Dio; per questo la gratitudine è l’espres­sione spontanea del cuore.

La riconoscenza è un’attitudine assolutamente benedetta, al punto che l’uomo più ricco del mondo è colui che è pieno di gratitudine, poiché ricco non è colui che possiede di più, ma chi vede di più in ciò che possiede.

Dio ha preparato ogni cosa perchè possa esserGli grato anche tu: ha dato Gesù affinché tu non fossi più escluso dalla Sua grazia, ma potessi avere tutto e pienamente!

Benedirai il Signore per questa grazia che Lui ti ha provveduto? Questa attitudine benedetta di riconoscenza sarà anche in te?


Torna alla pagina delle meditazioni