CHIAMACI (+39) 0922.474228
ADOTTA A DISTANZA

DOMANDE FREQUENTI

DOMANDE FREQUENTI

HAI DUBBI?

Troverai di seguito le domande più frequenti che ci vengono poste sull’adozione a distanza.

COME FUNZIONA L'ADOZIONE A DISTANZA

COSA RICEVE IL BAMBINO TRAMITE IL MIO CONTRIBUTO?

Grazie al tuo sostegno, possiamo garantire ai bambini inseriti nel programma di adozione a distanza le condizioni essenziali affinché possa accedere alle risorse e ai servizi essenziali, nel rispetto dei diritti fondamentali dell’uomo. ADI-aid offre ai bambini:

  • CIBO: i bambini ricevono un pasto nutriente al giorno. Nei centri scolastici il cibo viene distribuito sia ai bambini registrati nel programma sia a quelli non registrati.
  • ASSISTENZA viene garantita ai bambini l’assistenza medica, l’alloggio quando necessario, e un aiuto per le famiglie di appartenenza.
  • ISTRUZIONE: cerchiamo di fari sì che i bambini completino almeno la formazione scolastica primaria, essenziale per il loro futuro. Quando possibile, i ragazzi più meritevoli vengono incoraggiati a intraprendere gli studi superiori.
  • EDUCAZIONE CRISTIANA: in tutti i centri ADI-aid vengono svolte attività evangelistiche per annunciare Cristo Gesù, Colui che porta salvezza, libertà ed emancipazione.

A CHI VENGONO INVIATI I FONDI DEL SOSTEGNO?

I fondi del sostegno vengono gestiti dai collaboratori locali dei vari Paesi e utilizzato per i bambini che rientrano nel programma di sostegno.

Il denaro, quindi, non viene mai mandato direttamente ai bambini o alle loro famiglie, ma alle scuole o ai centri a noi affiliati.

COME VIENE RIPARTITA LA QUOTA DI SOSTEGNO?

Della quota di sostegno, che è di 20€ mensili, il 75% (15€) viene completamente devoluto per le necessità del bambino sostenuto. Poi ADI-aid trattiene dalle quote versate una piccola percentuale da destinare ai seguenti scopi:

  • Fondo “Salva-Bambino” (5%). Spesso i bambini inseriti nel nostro programma di sostegno non hanno dei sostenitori: attraverso questo fondo riusciamo a provvedere ai loro bisogni evitando di interrompere il corso della loro formazione scolastica.
  • Sostegno progetti (10%). Alla fine di ogni anno, tutto quello che viene risparmiato e non utilizzato per il fondo Salva-Bambino e le spese amministrative, viene reinvestito nel sostegno dei progetti in favore dei bambini, riducendo di fatto le spese a circa il 10% della somma versata dal sostenitore.
  • Spese Amministrative (10%). Usiamo una piccola parte di questa quota per sostenere le spese gestionali e quelle postali della nostra attività.

L'ADOZIONE A DISTANZA HA UNA SCADENZA?

L’adozione a distanza non prevede una scadenza precisa. Sarebbe ideale sostenere il bambino almeno fino al completamento del ciclo di studi primari.
È necessario, in caso di rinuncia e interruzione del sostegno, avvisare con anticipo la nostra segreteria, in modo da poter assegnare il bambino a un altro sostenitore.

VENGONO FORNITE INFORMAZIONI SUL BAMBINO ADOTTATO A DISTANZA?

Quanti sostengono dei bambini a distanza ricevono notizie che consentono di seguire il bambino nella sua crescita e percorso scolastico.

La storia, la situazione e i progressi del bambino sono documentati tramite fotografie, lettere, resoconti scolastici e altro materiale informativo destinato ai sostenitori, i quali a loro volta possono inviare periodicamente delle lettere e/o fotografie.

I contatti e l’aggiornamento delle notizie sono curati dalla segreteria del dipartimento ADI-aid.

DOMANDE DEI SOSTENITORI

COME POSSO COMUNICARE CON IL BAMBINO CHE SOSTENGO?

Nelle sue lettere il bambino che sostieni esprime sempre la sua gratitudine, ma anche tu puoi comunicargli il tuo affetto e incoraggiarlo con una breve lettera.

È possibile scrivere al bambino che stai sostenendo attraverso l’apposito form online inviando la tua corrispondenza ai recapiti segreteria ADI-aid che provvederà a recapitare la lettera al Centro dove si trova il bambino.

I bambini sostenuti da ADI-aid si trovano in nazioni in cui i collegamenti stradali ed i mezzi di comunicazione (internet, telefono, ecc.) sono molto carenti. I tempi di consegna, quindi, sono lunghi, e ti consigliamo di inviare le tue lettere con periodicità annuale.
Se ti è possibile, scrivi la tua lettera in inglese (per India, Sri Lanka e Haiti) o francese (per Africa e Haiti). Nel caso in cui non sia possibile, la nostra segreteria si impegnerà a tradurre e recapitare la lettera al centro dove si trova il bambino.

POSSO INVIARE DENARO DIRETTAMENTE AL BAMBINO CHE SOSTENGO?

Ci sono diversi motivi per cui è preferibile non inviare denaro direttamente ai bambini sostenuti, tra cui l’inconvenienza di creare una sorta di discriminazione tra i piccoli dello stesso Centro.

Tuttavia è possibile mandare un’offerta specifica (designata), per un progetto ben definito (es. scavo di pozzi, acquisto apparecchiature mediche, ecc…) o per un Centro in particolare.
Per inviare un’offerta designata è sufficiente visitare la pagina “DONAZIONI” o compilare un bollettino di c.c.p., specificando nella causale il fine dell’offerta.

Intestazione: ADI Adozioni a Distanza per l’Infanzia
C/C n° 68557719
Codice IBAN su Banco Posta: IT04 S 07601 16600 000068557719

POSSO INVIARE AL BAMBINO CHE SOSTENGO ALIMENTI DI VARIO GENERE E/O PICCOLI OGGETTI?

Non è possibile spedire nessun tipo di alimentari (caramelle, cioccolatini, ecc…) perché essendo merce deteriorabile potrebbe giungere al Centro dove il bambino studia già scaduta ed inutilizzabile, senza considerare l’elevato costo delle spedizioni. Lo stesso discorso vale anche per altri tipi di oggetti (giocattoli, materiale scolastico vario, ecc…): per la Segreteria ADI-aid e per i responsabili locali diventerebbe complicato riuscire a smistare questo materiale.

Inoltre non vogliamo si crei alcun tipo di disparità  tra i bambini dello stesso centro. Se lo desideri, puoi inviare un’offerta designata per il Centro in cui si trova il bambino da te sostenuto, e i responsabili provvederanno a fare un dono a tutti i bambini di quello stesso Centro.

QUALI SONO I MOTIVI PER CUI I BAMBINI SOSTENUTI VENGONO A VOLTE SOSTITUITI?

Siamo consapevoli del grande legame affettivo che si viene a creare tra il sostenitore e il piccolo nel corso del tempo; la sostituzione dei ragazzi sostenuti è comunque un fatto fisiologico, legato essenzialmente al ricambio scolastico o a motivazioni di carattere familiare. In generale le motivazioni sono:

  • il raggiungimento della maggiore età;
  • la conclusione del ciclo scolastico;
  • il trasferimento dei genitori, per motivi di lavoro, in luoghi lontani da dove sono situati i nostri centri;
  • può capitare, inoltre, che qualche ragazzo non segua seriamente il programma di studi. Solo in questo caso, se nonostante i tanti incoraggiamenti non si noti alcun interesse, allora i responsabili della scuola danno l’opportunità ad un altro bambino di prendere il suo posto.

HAI ANCORA DUBBI O VUOI ULTERIORI CHIARIMENTI?